Stava aggredendo quattro persone per futili motivi: solo il tempestivo
intervento dei Carabinieri ha consentito di evitare guai ulteriori, arrestando il
33enne SINGH Surinder, gravemente indiziato di lesioni personali aggravate.
Erano le 18:40 circa di domenica quando i Carabinieri del Nucleo Operativo e
Radiomobile della Compagnia di Soverato, a seguito di richiesta pervenuta
sull’utenza di pronto intervento 112, si sono recati in via Aldo Moro di Soverato,
in quanto era stata segnalata una lite.
Giunti sul posto, gli operanti, hanno riscontrato la presenza del prevenuto, in
evidente stato di agitazione, intento a discutere animatamente con quattro
persone, due uomini e due donne, visibilmente feriti. Questi ultimi, visitati poco
dopo da personale sanitario del 118 presso l’Ospedale di Soverato, hanno
riportato delle lievi lesioni, giudicate fortunatamente guaribili in pochi giorni.
A questo punto, le malcapitate vittime sono state accompagnate in Caserma,
ove sono state escusse a sommarie informazioni, consentendo una completa
ricostruzione dei fatti. Nella circostanza, in particolare, è emerso che il
soggetto, per futili motivi, dapprima ha rivolto parole dal tenore ingiurioso nei
confronti delle donne e, successivamente, ha afferrato per il collo un suo
connazionale intervenuto in loro difesa. Di lì a poco la situazione è
completamente degenerata: il SINGH, in preda all’ira, ha rincarato la dose,
colpendo con un pugno al volto una delle due donne, scaraventandola a terra,
e poi anche il marito della stessa, mentre tentava disperatamente di aiutarla.
Inevitabilmente sono scattate le manette per il 33enne indiano, con l’accusa di
lesioni personali aggravate, venendo temporaneamente ristretto presso le
camere di sicurezza della Compagnia di Soverato.
La 1^ Sezione Penale del Tribunale di Catanzaro ha convalidato l’arresto,
disponendo nei confronti del prevenuto la misura cautelare dell’obbligo di
presentazione alla polizia giudiziaria due volte a settimana.
leggi altro Redazione Telejonio
altro cronaca

vedi anche

Soverato, Nicolò Carnimeo racconta i veleni che minacciano il nostro mare

Nei nostri oceani galleggiano cinque, immensi continenti di plastica. Rifiuti che entrano …